Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo cookie tecnici e servizi di terze parti (per le sue funzionalità) che utilizzano cookies. Se vuoi saperne di più clicca su "MAGGIORI INFORMAZIONI". Cliccando su "ACCETTO" o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. ACCETTO Maggiori informazioni

Frattura esposta tibio-tarsica scomposta pluriframmentaria con perdita di tessuto osseo

Sesso F
Data di nascita 1958
Trauma diretto dovuto dallo schiacciamento del collopiede da una ruota di una macchina che procedeva in velocità provocando un frattura esposta della pinza malleolare, pluriframmentaria con perdita di tessuto osseo con lesione dei tendini e legamenti. Il chirurgo presa coscienza dei danni riportati della paziente e per la lesione grave presente alle cartilagini articolari opta per una semi artrodesi della caviglia limitando quasi totalmente il movimento della stessa. La paziente dopo il periodo di immobilità per favorire il consolidamento delle fratture esegue lastra di controllo.
 

 

Cerca di riprendere progressivamente la deambulazione assistita con le stampelle, poi passa solo con una per poi abbandonarla, dopo tre anni senza avere fastidi rilevanti la paziente comincia a soffrire di fastidi sempre maggiori, i quali spesso si tramutano in dolore invalidante, ciò la costringe a portarsi sempre con se la stampella quando esce da casa per timore che possa acutizzare il dolore alla caviglia stando in piedi o camminando. Alla visita di controllo la lastra non mostra segni di peggioramento rispetto a quella fatta 3 anni prima, quindi si ipotizza se il dolore non diminuisce nei mesi successivi di procedere ad una artrodesi totale della caviglia dato che spesso è costretta a prendere antinfiammatori per l'impossibilità di caricare sulla caviglia per il forte dolore che ne scaturisce.

La paziente angosciata dalla scarsa qualità di vita prima di decidere per l'ennesimo intervento si rivolge alla TRICENTER, valutando la documentazione in possesso della paziente e facendo una valutazione clinica della caviglia che si presenta gonfia e dolente sia alla digito-pressione che sotto carico, si procede al trattamento con uno dei nostri macchinari all' avanguardia, LASER ad ALTA POTENZA, mediamente i Laser terapeutici vanno da una potenza di 1 a 6 Watt con una emissione generalmente pulante. Il nostro ha una potenza di 25 Watt il più potente mai costruito per la riabilitazione, con una grandissima capacità Antinfiammatoria, Antiedemigena, Antidolorifica e Biostimolante sui tessuti, utilizzato dalle grandi squadre ci calcio di serie A e dagli atleti Olimpionici con emissione Continua, Pulsata o Super pulsata. Utilizzandolo con il nostro protocollo specialistico sia per potenza che energia erogata che per numero di punti di emissione e metodica tra puntale e scansione, la paziente solo dopo il primo trattamento riferisce che il gonfiore della caviglia si è ridotto come il dolore tanto da lasciare il Centro senza l'uso della stampella, con una gradevole sensazione di leggerezza. Ad ogni trattamento la sintomatologia si riduce progressivamente fino a non sentire più bisogno della stampella, l'angoscia lascia posto al sorriso, al 5' trattamento il dolore è scomparso come il gonfiore. Dato i risultati straordinari ottenuti sia nei tempi che come regressione della sintomatologia la paziente nella visita di controllo successiva declina l'eventualità di un' intervento di artrodesi totale.